Blog


9 Marzo 2021

Cittadinanzattiva: intervento straordinario per recuperare milioni di prestazioni non eseguite

Cittadinanzattiva: intervento straordinario per recuperare milioni di prestazioni non eseguite

Cittadinanzattiva è un’organizzazione, fondata nel 1978, che promuove l’attivismo dei cittadini per la tutela dei diritti, la cura dei beni comuni, il sostegno alle persone in condizioni di debolezza.

La Fondazione Italia in Salute (FIIS) nasce nel 2018 con l’obiettivo di sostenere e rafforzare la tutela del diritto alla salute e la cultura della prevenzione. Operando secondo principi di equità, efficienza e trasparenza.

Le due fondazioni si sono “incontrate” con un’interessante intervista da parte di FIIS ad Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva.

Il segretario ha fatto il punto della situazione Covid, analizzando tutte le criticità emerse dopo un anno di emergenza.

A causa del Covid, in un anno tutti i ‘nodi’ irrisolti del Servizio sanitario nazionale sono venuti al pettine. Con un danno che definirei drammatico per la comunità. Dall’assenza della telemedicina all’interno dei Livelli essenziali di assistenza alla mancanza dei sistemi di tariffazione, dalla carenza di operatori sanitari fino all’inadeguatezza dell’assistenza domiciliare”. 

Un anno, quindi, molto complicato sotto diversi aspetti. E soprattutto che ha visto crescere esponenzialmente le difficoltà di accesso al Ssn da parte dei cittadini.

Uno forse degli elementi che mi ha più colpito – ha spiegato Gaudioso – è il gap tra livello di decisione e quello di implementazione. Faccio un esempio. Per anni abbiamo discusso di ricetta elettronica, ebbene, in piena emergenza, questa è stata fatta in 48 ore. Il che sta a significare che prima ci muovevamo con un livello di lentezza assolutamente inaccettabile. Tutto questo ha avuto un impatto pesante anche sui pazienti non Covid. Il sistema ha palesato tutta la sua incapacità di riorganizzarsi rapidamente, anche a causa della sua sostanziale assenza sul territorio”. 

Tutto questo si è tradotto in “oltre 2 milioni di screening oncologici non fatti, e milioni di prestazioni non realizzate tra interventistica e diagnostica. Con una grande differenza di fondo. Mentre per gli screening oncologici si riesce a sapere quasi ‘geometricamente’ il tasso di mortalità che questa mancanza può produrre, sapremo solo ex post quale sarà il numero di malati di cuore o di altre patologie che ci rimetteranno la vita a causa dei mancati controlli.” 

Per il segretario generale di Cittadinanzattiva, tutto questo si poteva evitare, “almeno in parte”. A pesare sono però state, tra le altre cose, la “mancanza di turnover del personale sanitario ed un parco tecnologico nelle strutture drammaticamente obsoleto, così come un investimento insufficiente sulle professionalità sanitarie. Se avessimo avuto piante organiche più complete sicuramente avremo potuto affrontare meglio questa emergenza”.

Quanto al prossimo futuro, Gaudioso ha le idee chiare.

“Così come è stato fatto un piano di emergenza per affrontare la prima ondata di Covid, chiamando a raccolta tutti gli operatori sanitari disponibili, anche quelli del privato o il personale in pensione, ora dovremo fare lo stesso per recuperare tutte quelle prestazioni non eseguite nell’ultimo anno. Va dunque fatto un accordo con la sanità privata e convenzionata in questa fase altrimenti, senza un intervento drastico, rischiamo di avere ulteriori morti sulla coscienza.” Conclude Gaudioso. “In un contesto simile poi serve anche fare un ragionamento di accountability. Nei mesi scorsi abbiamo investito 500 milioni di euro per recuperare prestazioni sanitarie non eseguite. Direi che è arrivato il momento di verificare quante di queste sono state effettivamente recuperate”.

www.fondazioneitaliainsalute.org