Blog


20 Maggio 2019

Monitoraggio dell’ARS Toscana: maglia nera per la chirurgia oncologica

Monitoraggio dell’ARS Toscana: maglia nera per la chirurgia oncologica

Dall’ultimo monitoraggio sulle liste d’attesa per gli interventi chirurgici dell’Agenzia regionale Toscana di Sanità è emerso che nell’Asl Toscana Centro (Firenze, Empoli, Prato e Pistoia) sono circa 12mila le persone che aspettano di operarsi per problemi di salute urgenti. A questi vanno aggiunti i 2500 di Careggi. La situazione è, quindi, molto preoccupante.

Ad esempio, i malati oncologici dovrebbero essere operati negli ospedali pubblici entro un mese dall’inserimento nella lista di attesa, secondo quanto previsto dalla legge regionale sulle liste d’attesa, ma questo accade solo in pochi casi.

I dati rilevati a fine del 2018 riferiscono che per il tumore all’utero il 53% dei pazienti viene sottoposto a un intervento chirurgico entro 30 giorni negli ospedali Asl, il 73% a Careggi, mentre la media regionale è del 65%. Degli interventi per tumore della tiroide solo il 46% viene operato entro 30 giorni nei presidi Asl e il 56% a Careggi. Per quanto riguarda il cancro del retto: il 59% dei malati va in sala operatoria nei tempi previsti negli ospedali dell’Asl, il 45% a Careggi. Va meglio per il tumore della prostata che il 61% dei pazienti viene operato entro 30 giorni negli ospedali dell’Asl, il 22% a Careggi che deve fare i conti con una mole enorme di presentazioni e la risoluzione dei casi più complessi.

Il Ministero della Salute chiede come obbiettivo, da realizzarsi entro il 2021, che il 90% degli interventi chirurgici vengano effettuati nei tempi previsti dalla normativa italiana.

La situazione non è migliore per coloro che aspettano per un intervento di sostituzione dell’anca: più di 28 pazienti su 100 sono costretti ad aspettare oltre i 30 giorni.

Dallo scorso marzo sono state messe a disposizione nel portale sulla trasparenza della Regione Toscana, i tempi di attesa per la specialistica ambulatoria (visite ed esami).

Per Gennaio 2020, secondo il Piano Nazionale di Governo delle Liste di Attesa (PNGLA), dovranno essere resi pubblici sul portale anche i tempi di attesa per gli interventi chirurgici.

Source: www.lanazione.it