Blog


13 Ottobre 2020

Cause di morte: Covid supera il milione

Cause di morte: Covid supera il milione

Le cause di morte da Covid-19 sono più di un milione negli ultimi nove mesi. E solo da quando i primi casi in Cina sono apparsi.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres l’ha definita una “pietra miliare agonizzante”. Mentre Reuters ha calcolato che equivale ad 1 persona che muore ogni 16 secondi.

Sebbene la pandemia si sia diffusa in 188 paesi e regioni, i cinque con il maggior numero di morti rappresentano più della metà del totale globale (562.139): Stati Uniti (205.070), Brasile (142.058), India (96.318), Messico (76.603) e Regno Unito (42.090).

Il numero di casi e decessi COVID-19 nel mondo. Immagine: OMS

Come mostra il grafico, il numero globale di decessi segnalati settimanalmente all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è in calo rispetto al picco di gennaio, anche se i casi sono ancora in aumento.

Il dottor Mike Ryan, responsabile delle emergenze dell’OMS, ha spiegato: ” Stiamo assistendo a un lento calo dei tassi di mortalità dei casi clinici, stiamo assistendo a medici e infermieri che fanno un uso migliore dell’ossigeno, un uso migliore della terapia intensiva, un uso migliore del desametasone”. Ma ha anche avvertito che il bilancio delle vittime potrebbe “purtroppo molto probabile” raddoppiare a due milioni a meno che i governi “facciano quello che è necessario per evitare quel numero”.

Cosa uccide il maggior numero di persone ogni anno?

È difficile sapere esattamente quanto sia mortale COVID-19 a causa della mancanza di dati accurati. Secondo l’OMS, il range di errore tra i paesi nel calcolo dei rapporti tra le cause di morte per calcoli grossolani va da meno dello 0,1% a oltre il 25%.

Tuttavia, è ancora molto più alta la probabilità di morire per malattie non trasmissibili, quelle cioè che non vengono trasmesse tra le persone.

Numero di cause di morte nel mondo, 2017

Secondo “Our World in Data”, 56 milioni di persone sono morte nel 2017. Di queste, quasi la metà (49%) aveva più di 70 anni; solo l’1% aveva più di cinque anni e meno di 14 anni, e quasi il 10% erano bambini di età inferiore ai cinque anni.

Il più grande killer è stato di gran lunga la malattia cardiovascolare (CVD), responsabile di oltre 17 milioni di decessi, ovvero circa un terzo di tutti i decessi quell’anno.

Di questi decessi, l’85% era dovuto a infarto e ictus, e tre quarti erano nei paesi a basso e medio reddito, secondo l’OMS.

Il cancro ha ucciso più di 9,5 milioni di persone, circa una persona su sei, rendendolo la seconda causa di morte nel mondo. L’OMS afferma che circa il 70% di coloro che muoiono di cancro vivono in paesi a reddito medio-basso.

La terza causa di morte a livello globale sono le malattie respiratorie, tra cui broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), asma, malattie polmonari professionali e ipertensione polmonare. Tutte insieme sono responsabili di oltre tre milioni di decessi.

Gli incidenti stradali uccidono ancora più di un milione di persone ogni anno! Costano alla maggior parte dei paesi il 3% del loro PIL e sono la principale causa di morte per bambini e giovani adulti di età compresa tra 5 e 29 anni.

Morti per incidenti stradali, dal 1009 al 2017

Le cause di morte variano nel tempo e nei luoghi

La principale causa di morte può variare ampiamente in base al paese. In Botswana e in Sud Africa, nel 2017, era l’HIV / AIDS, mentre la CVD era la principale causa di morte in molti paesi ad alto reddito.

A livello globale, nei 16 anni tra il 2000 e il 2016, il gruppo classificato come condizioni trasmissibili, materne, neonatali e nutrizionali – tra cui HIV/Aids, malattie diarroiche e complicazioni alla nascita prematura – ha causato meno morti, con alcuni che sono usciti dai primi 10 del tutto, sempre secondo l’OMS.

Ciò coincide con gli sforzi globali per combattere le malattie infettive e altre cause, come il rapporto “2012 Born Too Soon” dell’OMS, con linee guida prenatali per ridurre il rischio di parto prematuro.

Top 10 delle cause di morte nel 2000 e nel 2016

Ma la nostra capacità di prevenire altre malattie e cause di morte è stata messa a dura prova dall’enorme pressione che COVID-19 ha esercitato sui sistemi sanitari mondiali.

Un esempio. L’ente benefico Cancer Research UK ha stimato a giugno che due milioni di pazienti erano in attesa di cure, test e screening per il cancro.

The Lancet ha stimato un aumento dal 7,9 al 9,6% delle morti per cancro al seno fino a cinque anni dopo la diagnosi, rispetto ai dati pre-pandemici. Mentre il dato per il cancro del colon-retto c’è stato un aumento del 15,3-16,6%.

La pandemia ha anche rallentato i progressi nell’eradicazione delle malattie infettive, poiché da marzo ha interrotto i programmi di immunizzazione in almeno 68 paesi. Si ritiene che circa 80 milioni di bambini di età inferiore a un anno siano maggiormente a rischio di malattie come il morbillo.

www.weforum.org