Blog


1 Febbraio 2019

I cittadini dell’UE stanno usufruendo della sanità transfrontaliera?

I cittadini dell’UE stanno usufruendo della sanità transfrontaliera?

Uno dei direttori del Dipartimento della Direzione Generale della Salute e Tutela dei Consumatori nella Commissione Europea, Andrzej Rys afferma che la Direttiva 24/2011/UE sull’Assistenza Sanitaria Transfrontaliera ha ribadito i diritti dei pazienti dell’UE quando questi intendono ricevere assistenza sanitaria in un altro Paese dell’Unione Europea. La Direttiva, inoltre, ha permesso la cooperazione tra i sistemi sanitari dei vari Paesi dell’UE.

Nonostante si tratti di una Direttiva che va a promuovere e migliorare la sanità all’interno dell’UE, molti cittadini, però, non ne sono ancora a conoscenza.

Non viene incoraggiato il “Turismo Medico” bensì si concede ai pazienti di uno Stato dell’Unione Europea di poter accedere alle migliori cure in un altro Paese dell’UE, qualora quello di appartenenza non sia in grado di sostenerle in tempi ragionevoli. 

La Direttiva è un esempio molto concreto di cooperazione tra gli Stati membri, anche su tematiche molto delicate come la sanità transfrontaliera. Si tratta, comunque, di un processo ancora in corso e i passi da compiere sono ancora molti. In primis, è necessario far conoscere i loro diritti e la Direttiva per la Sanità Transfrontaliera ai cittadini dell’UE.

Per iniziare questo processo di divulgazione in merito alla Sanità Transfrontaliera, i Paesi Membri hanno istituito dei Punti di Contatto Nazionali, dove i cittadini possono richiedere informazioni in merito.
Source: https://ec.europa.eu/health/health-eu-newsletter-228-focus_en